Ho letto e sono d'accordo con la Privacy Policy.

Programma una visita

Chiamami:
+39 349 642 6624

Manda un'e-mail a:
info@rossanagonella.it

I FIGLI HANNO BISOGNO DI UN SENSO DELLA FAMIGLIA E NON DI ESSERE POSTI AL CENTRO DELL’ATTENZIONE

8 mesi ago · · 1 comment

I FIGLI HANNO BISOGNO DI UN SENSO DELLA FAMIGLIA E NON DI ESSERE POSTI AL CENTRO DELL’ATTENZIONE

Le feste in genere rappresentano contesti sociali ed umani in cui si sviluppano dinamiche affascinanti. Giusto un mese fa eravamo nel pieno del fermento natalizio e mi è capitato di andare a vedere più di una recita di Natale. Una cosa mi ha particolarmente colpita: vedere mamme e papà applaudire ed esclamare ai propri figli “bravo, bravissimo, bene!” sia che questi cantassero e ballassero, sia che stessero seduti immobili senza fare nulla. Questo fatto mi ha fatto molto pensare.

Perchè dunque la mia domanda “genitori o famiglia?”. Semplice, perchè sembra che non stiamo interpretando nessuno dei due ruoli. Mi spiego, o meglio, vi esorto a riflettere su di un episodio a cui ho assistito in questi giorni:

Metropolitana di Milano, si libera un posto nella calca: il padre decide di far sedere il bambino di 10 anni lasciando la nonna pressapoco 70enne in piedi. Il bambino inizia a tirare dei calci alla nonna, in quanto infastidito dalla sua vicinanza e il padre, non dicendogli niente, decide di “spegnarlo” dandogli in mano il cellulare e chiedendo alla nonna 70enne di spostarsi per non subire le vessazioni del figlio.

Tutto ciò è inquietante sotto diversi aspetti ma voglio concentrarmi sull’argomento “genitori o famiglia”. Poniamo che la nonna in questione rappresenti la famiglia, ebbene, vediamo perché “vacilla” in balia di una “genitorialità compromessa”.

L’attenta lettura del libro “Il linguaggio segreto della famiglia” di Tracy Hogg (specializzata in puericultura e comunicazione interna ai nuclei familiari) ha confermato la mia convinzione: è necessario un rapido cambio di prospettiva!

  • Diventare genitori non vuol dire mettere i figli sempre in primo piano e al centro di tutto, è l’intera famiglia che (con i figli) deve essere gestita e tutelata come elemento primario.

  • E’ importante essere genitori che si occupano con attenzione e cura delle esigenze dei propri figli ma in relazione anche a quelle di tutti i componenti del nucleo familiare. Il rispetto delle capacità e delle funzioni di ognuno renderà la famiglia stabile e ben strutturata.

I due concetti, genitori e famiglia non sono in contraddizione ma è un altro punto di vista, più ampio.

Ma perchè è così complicato cambiare prospettiva?

  1. perchè non riusciamo ad abbandonare la nostra individualità. E’ più semplice di quanto possa sembrare. Basti pensare che in qualsaisi nucleo sociale, famiglia in primis, ogni comunicazione verbale (ma anche non verbale), rappresenta una strada e due sensi che influenza le parti in causa. In altre parole, quando parliamo con i nostri figli, col nostro partner, con i nonni, gli zii, si crea un reticolo di reciproci stimoli che vanno a formare le nostre opinioni e convinzioni.

  2. perchè spesso crediamo di “essere gli unici” ad inviare stimoli e a controllare certe dinamiche. Non è così.

  3. perchè siamo totalmente concentrati sui nostri figli. Quando ci convinciamo che loro possono vivere un disagio (e spesso è solo una nostra convinzione), impegniamo il nostro tempo, le nostre risorse, tutte le nostre energie pur di risolvere il problema: ricche feste di compleanno, acquisti compulsivi di abbigliamento all’ultima moda, dei più moderno apparecchi tecnologici in commercio… In teoria pensiamo di risolvere dei problemi ma nella realtà ne stiamo generando un altro, ben più pericoloso: quello di lasciar credere ai figli di essere loro il centro dell’universo, di meritare tutte le attenzioni e di non considerare il senso ed il valore della famiglia e della comunicazione di cui parlavo sopra. Finiscono per ritrovarsi viziati, soli e privi di sani valori.

Nessuno deve mettere in dubbio l’importanza della cura dei figli da parte dei genitori, della loro tutela e formazione, la funzione di guida e protezione. Tuttavia è molto rischioso svolgere queste funzioni ponendoli al centro dell’universo, suggerendo comportamenti, programmando per loro, aiutando anche quando non richiesto, gratificando senza motivo. Solo facendoli sentire parte di un nucleo (la famiglia) in cui ognuno deve svolgere il proprio ruolo per essere riconosciuto, li abitueremo ad avere capacità ed azione, anche in contesti sociali esterni alla famiglia. Trasmettere che in un progetto di cui fanno parte più persone, tutti sono importanti, effettuano scelte e aiutano all’occorrenza.

Ma se i figli occupano l’intero orizzonte e monopolizzano il tempo e l’energia, è quasi impossibile mantenere una prospettiva familiare. Il rapporto di coppia ne risente, i figli credono che il mondo ruoti intorno a loro ma si sentono anche spinti fino all’eccesso a dare il massimo.

Voi genitori, siete sempre ai posti di comando e naturalmente non smettete di occuparvi dei vostri figli e di guidarli ma tutti sono tenuti in considerazione e tutti, a seconda della loro età e delle loro capacità, svolgono la loro parte per far funzionare la famiglia.

Quando una madre è stanca o non ha tempo per terminare gli impegni domestici, non deve lamentarsi per la mancanza di collaborazione solo col marito, può rivolgersi (età permettendo) anche ai figli, è formativo! Permette loro di crescere come individui, di acquisire sicurezza, interpretando un ruolo che li fa sentire parte integrante di un progetto.

PROVA ANCHE TU A MIGLIORARE IL TUO PROGETTO:

  • guarda le cose da un’altra prospettiva

  • prova a definire “istintivamente” con alcuni aggettivi la tua famiglia nell’insieme (es.: caotica, impegnata, avventurosa, affettuosa, distaccata, ecc.)

  • prova a fare la stessa cosa coinvolgendo partner e figli, stimolandovi a vicenda su come definire il vostro nucleo familiare, serenamente e lasciando ad ognuno la libertà di esprimere le proprie convinzioni.

P.s. [Specifico che come famiglia intendo qualsiasi nucleo sociale, formato da due o più individui nella stessa abitazione, a prescindere dal vincolo matrimoniale e dal genere di appartenenza]

Categories: Uncategorized

Rossana Gonella

Rossana Gonella

Vivamus ullamcorper pretium ipsum, id molestie elit dapibus vitae. Vestibulum ut odio id sem ultrices convallis vel id diam.

1 Comment

  • Silvia Mori ha detto:

    Conosco Rossana da diversi anni e quello che mi ha sempre colpita è la sua spiccata capacità all’ascolto. La cosa giusta detta al momento giusto, ti porta alla riflessione senza che te ne renda quasi conto e ti senti più leggera.

Lascia un commento

close

Iscriviti alla mia newsletter.